Viaggioleggero

less is more… more or less

Month: dicembre, 2011

Meno facce sul mio libro

Fare decluttering non significa solo svuotare la propria casa dagli oggetti accumulati nel corso degli anni. Il meccanismo è sempre quello: eliminare dalla nostra vista e dai nostri pensieri ‘cose’ o elementi che possono distrarci da quello che invece conta veramente nella nostra vita, e al quale dovremmo dedicare tutta l’attenzione possibile. Questo meccanismo è applicabile in diversi contesti, in casa ma anche nella vita professionale, fra le nostre amicizie come nel nostro computer. E anche su Facebook, perchè no? Ho appunto appena deciso che fra oggi e domani farò un po’ di decluttering sul mio Facebook. Fra i miei ‘amici’ c’è gente che non conosco e non ho mai conosciuto (e non ho la più pallida idea del perchè siano voluti diventare miei amici di FB). Ma non solo, c’è anche gente che invece conosco, che non pubblica mai cose che mi interessano. Magari scrive spesso su FB, ma si limita ad interventi che mi rubano tempo senza darmi in cambio nulla. Ecco, io spero che queste persone non se la prendano se le elimino dalla mia lista di amicizie di FB. Io a parti invertite non me la prenderei. Buon Anno!

Da dove vengo – pt 2

A 18 anni, dunque, ho cominciato a lavorare. L’ambiente era decisamente stimolante. C’era gente strana, molto creativa, che aveva fatto esperienze particolari e dalla quale cercavo di trarre più insegnamenti possibile. E lì ho scoperto che lavorare mi piaceva. Ho sempre dato il massimo, anche quando non ero ancora pagato (ricevevo in realtà un mini rimborso spese, per me era oro, ma loro sembravano quasi sentirsi in colpa per il fatto che io non ricevessi un vero stipendio). Ma in realtà non ci volle molto perché la mia posizione lì dentro fosse inquadrata in maniera più limpida (erano davvero altri tempi). Leggi il resto di questo articolo »

Si parte!

Frequentando un po’ i blog dedicati al decluttering, o leggendo interviste e articoli in giro per il web, ho notato che il primo passo che in genere si compie, almeno in Italia, sulla strada di questo lifestyle minimalistico, riguarda in genere armadi e guardaroba. Deve essere proprio una fissazione di noi italiani, quella di comprare vestiti e scarpe in abbondanza. Gli americani, per esempio, partono in genere dal garage, una sorta di luogo feticcio dei sobborghi urbani dove spesso viene accumulato di tutto e di più. Io il garage non ce l’ho, non ho neanche un box. In effetti non ho neanche un posto auto. La mia Focus scassatissima la uso poco e la parcheggio dove capita (e di solito dimentico anche dove è parcheggiata, con evidenti gran perdite di tempo quando devo cercarla in giro per il quartiere). In compenso però ho davvero tanti vestiti. Leggi il resto di questo articolo »

Da dove vengo – pt 1

Anche se non aggiorno questo mio diario di viaggio da qualche giorno, in questo periodo non sono stato con le mani in mano. Certo, col Natale di mezzo, i parenti, i pranzi ecc., il tempo a disposizione per dedicarmi al blog non è stato molto. Ma ho continuato a leggere, a informarmi, e qualcosa più pratica l’ho anche messa in atto. Ma non è di questo che voglio parlare ora. Credo sia più utile per il momento, fissare in queste righe una descrizione del tipo di persona che sono stato io finora, almeno per quel che concerne l’argomento di questo blog. Leggi il resto di questo articolo »

Idee

Se non riesci a scrivere la tua idea sul retro del mio biglietto da visita, vuol dire che non hai un’idea chiara – David Belasco

Ti piace questo blog? Spargi la voce :)