Viaggioleggero

less is more… more or less

Tag: consumismo

Becoming Minimalist: newsletter n. 40

Consumismo, materialismo, competizione e sfarzo. Le parole d’ordine degli ultimi trent’anni, in America cominciano ad essere messe in discussione (ed era ora). L’Occidente farà in tempo a rinsavire (prima di essere costretto a farlo)? Alcuni spunti di riflessione offerti dal nuovo numero della newsletter di Becoming Minimalist.

Picto Leggi il resto di questo articolo »

Becoming Minimalist: newsletter n. 35, 36, 37 e 38

Sì lo so, il titolo fa ridere anche me. Considerato che la newsletter di Becoming Minimalist ha periodicità quindicinale, significa che sono in arretrato di almeno due mesi… Che vergogna… Comunque, il bicchiere mezzo pieno è che i link da seguire per leggere storie interessanti sono davvero numerosi stavolta… magari alcuni sono un po’ meno attuali di altri…

vasca

Leggi il resto di questo articolo »

Decluttering 2: il ritorno

Due anni fa circa parallelamente ai primi post di questo blog, ho cominciato ad effettuare una radicale opera di decluttering casalingo. Non fu facile iniziarlo, i blocchi mentali erano tanti (lo sono sempre), ma una volta cominciato si è rivelato assai più efficace di quanto mi aspettassi. A due anni di distanza, ieri, ho dato inizio a un… richiamino.

corpuscallosum Leggi il resto di questo articolo »

Becoming Minimalist: newsletter n. 33 e 34

In principio era soprattutto decluttering. Ora sembra che la critica ‘interna’ al lifestyle occidentale, americano in particolare, coinvolga aspetti sempre più generali, dal modo di lavorare, alla necessità di momenti e spazi per vivere; dal consumismo estremo di tutti i giorni, ai trucchetti delle grandi corporation (Apple in prima fila… sigh!); fino agli sprechi e agli sfarzi natalizi.

03

Leggi il resto di questo articolo »

In fila al mercato

Mi chiedo come si faccia ancora a sostenere il mercato come deus-ex-machina in grado di ripianare le storture dell’economia e della finanza. Eppure c’è ancora chi sostiene che è il mercato (e le sue fantomatiche leggi) che premierà chi merita di essere premiato e punirà chi merita di essere punito. Come fosse un Dio giusto e infallibile, che tutto sa e tutto conosce, che dispensa carezze e strali secondo un senso di giustizia supremo che noi possiamo magari non comprendere, ma mai mettere in discussione.

Denaro

Leggi il resto di questo articolo »

Ti piace questo blog? Spargi la voce :)